mercoledì 30 dicembre 2015

Un altro anno se ne va..

Anche il 2015 sta per finire, sta per chiudere i battenti. Entreremo in nuovo anno che spero sia migliore di questo appena trascorso. E' stato però il 2015 un anno personalmente importante per me, dato che ho tagliato il traguardo dei trenta, e ho deciso, con fatica e un po di paura, di aprire questo blog. Ma sono soddisfatto di ciò che ho raggiunto con tenacia e tanta pazienza, la mia paura è svanita e ora sono libero di esprimere il mio pensiero e i miei giudizi senza nessuna preoccupazione. Ma domani è San Silvestro, l'ultimo giorno dell'anno, è arrivato il tempo di festeggiare, sobriamente però, i botti saranno vietati in molte zone e paesi d'Italia, anche il mio, ma qualche 'temerario' ci sarà, stapperò una bottiglia di spumante e brinderò per scacciare questo 2015. Rimarrò sicuramente a casa, solo noi tre, mio fratello farà il veglione, non credo sarà poi così brutto stare soli, son contento lo stesso. Il problema è che mia madre vorrà vedere Gigi, povero me.

Tante, tantissime altre cose, fatti, sono successi, non solo personalmente ma in generale quest'anno. Un anno incredibile sotto molti aspetti, per i tanti momenti belli, ma anche dolorosi, vissuti in Italia, in Europa e nel mondo, in campo sportivo, culturale, politico, musicale e cinematografico. Sportivamente abbiamo assistito a momenti memorabili e ad alcuni sogni infranti. Da tifoso juventino è stato un anno fantastico, ma quella sconfitta in finale a giugno ha oscurato una delle migliori stagioni mai vissute, la cavalcata che ci ha portati comunque, a vincere due trofei, è stata meravigliosa, peccato per il finale. In campo motoristico due piccole delusioni, la non vittoria del campionato del mondo di Valentino, che meritava di vincere il mondiale senza dubbio, come Vettel che meritava più fortuna data la stagione incredibile, al primo anno in Ferrari, che ha fatto. Lo sport toglie e da, soprattutto due donne sono riuscite in due straordinarie e pazzesche imprese, la bella tuffatrice Tania Cagnotto è riuscita finalmente a battere le 'maledette' cinesi e l'altrettanto bella tennista Flavia Pennetta (mia conterranea) è riuscita a vincere gli Us Open, orgoglio italiano in America.

martedì 29 dicembre 2015

Le migliori e peggiori serie tv viste quest'anno

Come con i film, è naturale che anche le serie tv meritino un post a parte. Con lo stesso modus operandi del post sui film, la classifica delle peggiori e migliori serie tv viste durante tutto l'anno, la top 10, comprese quelle da gennaio a luglio, più alcune già recensite in alcuni miei post, pubblicati recentemente, ed alcuni volutamente ignorati. Per problemi di pubblicazione alcune serie che ho visto e che sto ancora recensendo non entreranno in classifica.

Cominciano dalle peggiori serie tv in questo 2015:

10. Continuum (3a), una serie di fantascienza di una poliziotta che viaggia indietro nel tempo per sgominare una banda di terroristi del futuro. Storia un po confusa e troppo lunga, ancora non è finita.
9. Covert Affairs (4a), la disavventure e le missioni di un'agente della CIA che si caccia quasi sempre nei guai, stancante, ma che continuo a vedere solo per la bella protagonista.
8. Gang related (1a), in un pericoloso doppio gioco, un infiltrato di una banda entra in una task force, ma la presenza di Terry O'Quinn (Lost) non basta a dare verve alla serie, poi prontamente cancellata.
7. Arrow (3a), dopo 2 più o meno buone stagioni, la terza delude, con la serie che diventa più intrigante ma più inverosimile e sciocca delle precedenti.
6. The fall (2a), la prima stagione mi aveva convinto, questa seconda invece no, meno azione e thriller, più sentimenti, meno male che c'è la sexy detective Gillian Anderson (X-files)..
5. 1992 (1a), una delle serie italiane di punta, se la storia è audace e intrigante, soprattutto gli attori sono quasi tutti imbarazzanti, giudizi controversi ma la serie non ha decisamente convinto tutti.
4. The Listener (5a), serie canadese su un consulente della polizia che con il dono della telepatia risolve casi d'omicidio, interessante ma dopo 5 stagioni ha rotto...per fortuna è stata cancellata.
3. Outlander (1a), controversa serie tratta da un romanzo fantasy. All'inizio intrattiene ma nel finale stanca diventando scialba e censurabile. Si poteva fare molto meglio dato la storia interessante.
2. XIII (2a), basata sull'omonimo fumetto la serie torna dopo tre anni dalla prima, un gigantesco buco nell'acqua. tutto confuso, complicato, un caos pazzesco. Finale non tanto gratificante.
1. Revolution (2a), interessante la trama (un mondo senza più elettricità), ma lo svolgimento è pessimo, molto noioso e confusionario, personaggi inutili e rompiscatole, meglio evitare.

Altre serie potevano entrare in classifica, ma per loro fortuna si salvano per un pelo anche se le aspettative erano alte, alcune solo perché le seguo da tempo e mi ci sono affezionato, C'era una volta (4a), The walking dead (5a), Fortitude (1a), Chicago fire (2a), Il trono di spade (5a) e Ripper Street (1a).

lunedì 28 dicembre 2015

I migliori e peggiori film visti durante l'anno

Come tanti blogger anch'io chiudo l'anno con delle classifiche speciali sui film che quest'anno ho visto, naturalmente solo quelli visti nel 2015, non quelli usciti al cinema quest'anno, non vado quasi mai al cinema. Ovviamente saranno inclusi anche tutti quelli che non ho recensito o inserito, dato che ho cominciato il mio blog a luglio, quindi quasi 7 mesi di 'buio'. In questo mese oltre ai film già pubblicati ce sono altri che sto ancora recensendo e che per mancanza di tempo e non pubblicazione non entreranno in questa classifica finale, ma non sono poi così tanti.

Per cominciare, ahimè, la classifica dei peggiori 10 film visti in questo 2015:

10. RIPD: poliziotti dell'aldilà, non originale, poco divertente, molto scemo ed inverosimile.
9. Un castello in Italia, storia non intrigante, attori scarsi, praticamente inutile.
8. Kill list, un horror diverso da tanti altri, per niente spaventoso, storia abbastanza confusa.
7. Colpi di fortuna, una classica commedia italiana ad episodi, scarso e brutto.
6. Locke, un film interessante ed originale ma troppo monotono, solitario e di scarso impatto.
5. Un boss in salotto, mi aspettavo molto di più invece niente di nuovo, avulso ed insipido.
4. Scott Pilgrim vs the world, commedia grottesca e troppo inverosimile, stupido e inutile.
3. I 2 soliti idioti, delirante e dissacrante commedia, film vuoto, triste e neanche divertente.
2. Piranha 3D, horror non originale e di scarso impatto visivo, niente di nuovo, stupido film.
1. Mood Indigo: la schiuma dei giorni, mai visto una schifezza così, fa quasi pena, imbarazzante.

Altri film meriterebbero di entrare in classifica, ma per loro fortuna faranno solo una comparsa, di preciso sono: 17 ragazze, Wrong turn 6, Butter, La vita di Adele, altri che non ricordo, tutti i film della Asylum e questi qui.

domenica 27 dicembre 2015

Ex Machina (2015)

L'ultimo film (il quarto di quattro) che ho deciso di vedere da Sky Primafila (grazie alla promozione Extra) è stato Ex Machina (film del 2015 scritto e diretto da Alex Garland, al suo debutto da regista). Nonostante la buona e bella presenza scenica della meravigliosa Alicia Vikander, ultimamente una delle migliori attrici in circolazione, il film ha però deluso leggermente le mie aspettative, anche se credevo tutt'altro. Forse non è stata la scelta giusta scegliere questo film, ma tant'è ormai il danno è fatto, all'inizio è un po noioso, cupo e triste, non solo perché non si riesce a capire la vera natura del film, ma perché i dialoghi oscillano tra banalità e pseudo citazioni "colte" e le situazioni sembrano un po' troppo forzati o lasciano il tempo che trovano, ma che raggiungono il loro scopo generando veri e propri interrogativi molto interessanti ma già proposti in tanti altri film. Anche se il film è molto efficace nel costruire la tensione, nel non svelare subito le sue carte, insomma nel modellare l'intreccio thriller sfruttando la claustrofobia degli interni e l'evocata agorafobia degli esterni, i personaggi sembrano disegnati con l'accetta, il ritmo è lento e soporifero, e di rado si è vista una figura di scienziato "creatore" più insopportabile, dozzinale, volgare di questa. Mi aspettavo più movimento o qualcosa che accendesse il film, ma succede troppo tardi, nel finale, giusto visto la situazione, ma divenuto dopo troppo scontato. Caleb, programmatore mediocre, incarnazione del bravo ragazzo americano, viene scelto tramite un concorso, che poi scoprirà essere pilotato, per trascorrere una settimana con Nathan (CEO della società), il fondatore del motore di ricerca (la più grande del mondo) per cui lavora, in un rifugio di montagna. Ma quando arriva in questo luogo remoto, una residenza immensa, dotata di tutti i comfort (dalla palestra ai frigobar), immersa in un tripudio naturale di panorami incantevoli, Caleb scopre che dovrà partecipare a uno strano e affascinante esperimento (collaborando all'esecuzione del test di Turing) nel quale dovrà interagire con la prima vera intelligenza artificiale del mondo, contenuta nel corpo di una bellissima ragazza robot. Caleb deve testare il comportamento di Ava, ragazza umanoide dotata di sofisticata intelligenza artificiale, ma dopo alcune sessioni di interloquio supervisionate in remoto dallo stesso Nathan, capisce che c'è qualcosa di più che non riesce a comprendere.

mercoledì 23 dicembre 2015

La magia del Natale

Natale è un periodo fantastico, l'atmosfera, le luci, gli addobbi, la felicità e la magia natalizia che ogni anno ci riempie di gioia ma anche fatica, tra regali, cene, famiglia etc. Mikimoz in un recentissimo post qui, elenca i migliori ed indimenticabili momenti del Natale, io quindi commento le mie esperienze personali. di questi bellissimi momenti, cose e situazioni. Ma prima una premessa: per una decina d'anni (fino al 2001) la vigilia l'ho sempre passata (come il giorno di Natale), in campagna di mia nonna paterna, e tutta la famiglia si riuniva, zii, cugini, tutti, ma dopo che s'è n'è andata, niente più. Per un po' siamo andati in campagna di mia zia (materna) ma ultimamente per problemi personali e non, rimaniamo a casa. Neve: che ho sempre adorato, ma che capiti a Natale è successo raramente (in Puglia non capita spesso, ma nevica eccome se nevica), ricordo solo una volta, veramente bello e magico, ma se non succede non è un grande problema. Tombola: ogni anno non è Natale senza la tombola, quella originale, da piccolo per esempio per 'oscurare' una casella si usavano o le buccie (fatte a pezzettini) delle clementine o i fagioli, soprattutto quest'ultimi, che se facevi un movimento sbagliato cadeva tutto e dovevi cavartela da solo per ricordarti i numeri, numeri che quando uscivano urlavamo, l'ubriaco, il culo, il pazzo, le zinne, morto che parla, i diavoli, i caciocavalli e la paura, sempre rigorosamente in dialetto (nel nostro però). Giochi di carte o società: soprattutto giochi d'azzardo, sette e mezzo, mercante in fiera, il morto, la corsa dei cavalli e il più pericoloso di tutti, il piattino, era una cosa pazzesca, si passavano ore a giocare ma adesso è tutto diverso, almeno per me, essendo in quattro non c'è voglia. L'albero di Natale: a casa c'è sempre, piccolo ma bello, ci sono ancora palline di trent'anni fa, erano indistruttibili e molto vivaci, adesso si vendono unico colore ma a noi ci piace così, un po retro un po vintage, e addirittura, fino a poco tempo fa, si usavano appendere cioccolato a forma di Babbo Natale all'albero, ma non duravano tanto.

martedì 22 dicembre 2015

Scusate se esisto! & Confusi e Felici (2014)

Dal regista Riccardo Milani, una nuova e divertente commedia con protagonista la coppia consacrata da Nessuno mi può giudicare: Paola Cortellesi, torna al fianco di Raul Bova in Scusate se esisto! Il film (del 2014) è ispirato alla storia vera dell'architetto italiano Guendalina Salimei. Serena, di origine abruzzese (Anversa), è un architetto dal talento straordinario, laureata in architettura con il massimo dei voti, ha un master e conosce molte lingue straniere, ma dopo una serie di successi professionali all'estero e con una brillante carriera professionale a Londra, decide di ritornare a lavorare in Italia, a Roma, perché ama il suo paese. Per una donna ottenere un posto di lavoro all'altezza della sua qualifica si rivela tuttavia difficile, a Roma non trova un impiego nemmeno lontanamente paragonabile a quello che aveva in Inghilterra, e si arrabatta facendo tre lavori ben al di sotto delle sue capacità e competenze (arredatrice presso il Paradiso della cameretta, designer di cappelle funerarie per ricchi cafoni, e cameriera in un ristorante di lusso). Finché per puro caso si imbatte in un quartiere dimenticato da tutto e tutti, in forte degrado, e decide di interessarsi al progetto di riqualificazione, e quando si reca ad un colloquio si trova di fronte a una scelta folle, farsi passare per quello che tutti si aspettano che lei sia: un uomo. Nel frattempo incontra Francesco (il proprietario del ristorante), bello e affascinante, il compagno ideale, se non fosse che dopo vari 'tentativi' capisce che a lui non piacciono le donne. Tra Serena e Francesco nasce comunque un rapporto intenso, una profonda amicizia, la coppia perfetta. Ne sortiranno numerosi equivoci ed avvenimenti sino ad un finale ugualmente positivo, sebbene differente da quello da lei sperato inizialmente. Pronti a tutto pur di darsi una mano saranno costretti a condividere segreti e inganni perché a volte, per essere davvero se stessi, è meglio fingersi qualcun altro!

domenica 20 dicembre 2015

La top 10 delle canzoni di Natale preferite

Natale è un periodo importante per la musica, è il momento di rispolverare vecchie canzoni, vecchi cd che rimangono per 11 mesi in un cassetto in attesa di dicembre. Sin dagli anni 50 moltissimi artisti (soprattutto stranieri) si sono cimentati in canzoni o canzoncine natalizie, alcune ancora adesso attuali e molto orecchiabili. Di quelli italiani mi viene in mente solo una, troppo bella, Così Celeste di Zucchero. A me questo periodo mi piace tanto, anche e soprattutto per la musica che riempie di gioia grandi e piccini. Questa classifica che presento (la mia Top 10) sono le mie preferite in assoluto, inoltre un bonus track molto speciale.

10. Immancabile come ogni anno, una canzone degli anni 80-90 popolarissima, anche se per me leggermente malinconica è molto bella, diventata negli anni un cult generazionale.

9. Una straordinaria cantante con una voce entrata nel cuore di tutti dai tempi del Titanic, una canzone veramente bellissima e commovente.

venerdì 18 dicembre 2015

Mission Impossible: Rogue Nation (2015)

Mission: Impossible: Rogue Nation è un film del 2015, uscito nelle sale cinematografiche italiane dal 19 agosto. È il quinto film della serie Mission: Impossible con protagonista Tom Cruise nei panni dell'agente della IMF Ethan Hunt. Lo stesso Tom Cruise dopo l'uscita del film, ha già annunciato che il sesto capitolo è in pre-produzione, con le riprese fissate per il giugno 2016. Il regista Christopher McQuarrie (lo stesso di questo quinto capitolo) ha annunciato di aver accettato il ruolo di regista e sceneggiatore del sesto capitolo della saga di Mission: Impossible, la cui data di uscita è stata fissata per il 2018. E' il terzo dei quattro film di Sky Primafila che ho scelto di vedere. In questo quinto capitolo della serie, la IMF viene sciolta, dopo che la CIA (tramite il suo direttore, che non ha mai avuto l'IMF in simpatia) ha deciso di chiudere la divisione di Ethan e compagni, giudicandone i metodi troppo caotici e i risultati dettati più dalla fortuna che della professionalità (basta vedere il casino che hanno fatto al Cremlino, nel quarto episodio). Ethan Hunt però non ci sta e si condanna a ricercato pur di continuare le indagini sul cosiddetto "Sindacato", un gruppo di agenti addestrati e pericolosi, per lo più dichiarati morti, e invece attivissimi in ogni settore del terrorismo contemporaneo. Insieme al suo team deve affrontare una nuova missione impossibile, eliminare questo Sindacato, che vuole distruggere la IMF e creare un nuovo ordine mondiale, attraverso una serie crescente di attacchi terroristici. Ethan riunisce la sua squadra e si allea all'ex agente britannico Ilsa Faust, ma potrà davvero fidarsi di lei?

mercoledì 16 dicembre 2015

Il mio post numero 100!

Quando ho cominciato a scrivere il mio primo post non credevo di riuscire ad arrivare a questa cifra, e soprattutto di avere un discreto successo, certo alcuni post hanno avuto poco appeal, altri invece con mia grande sorpresa hanno riscosso grande affluenza di visite e commenti. Oggi non sapendo cosa scrivere in questo post numero 100, ho deciso di fare un piccolo bilancio della mia esperienza da blogger e di esporre i miei prossimi post, un'anteprima di quello che scriverò nei prossimi e futuri post. Sono passati 5 mesi da quando aprii questo blog, era una piccola sfida, ma con il tempo e la pazienza forse l'ho vinta, riuscendo finalmente ad aprirmi un po. Tanti ovviamente le serie tv e film che ho recensito e recensirò, ma anche altro come chi frequenta il mio blog sa. Ci sono tanti bravi blogger che non mi stancherò mai di ripetere, veramente bravissimi, intelligenti e molto educati, brave e stimate persone. Grazie anche a loro miglioro sempre più in qualità ed esperienza, conosco nuove cose, ma sono ancora 'acerbo', non sono bravo ma vorrei diventarlo. Pian piano proverò ad arrivarci, il tempo ancora c'è n'è tanto per imparare sempre di più e migliorare. Il giudizio finale spetta al mio 'pubblico' ma io sono già contento e soddisfatto così, non cerco la gloria, solo il mio spazio nel mondo. Mi diverto a scrivere, a scuola me la cavavo abbastanza bene, da piccolo avevo una bellissima calligrafia (secondo i miei prof) ma ora non più, ma dal computer questa caratteristica non è evidente e non serve, ma non importa.

lunedì 14 dicembre 2015

Salem (2a stagione)

E' tornata, ma è già finita, la seconda stagione di Salem, conclusasi poco tempo fa. Il supernatural drama di Fox, che trae ispirazione dal noto processo alle streghe di Salem, è stata rinnovata anche per un terza stagione, che si prospetta molto allettante se conoscete il finale. Nella prima stagione di questa serie horror abbiamo visto cosa e come queste spaventose (ma bellissime) streghe sono disposte a fare per avere quello che vogliono. Per chi ha visto già la prima stagione sicuramente ricorderà i personaggi e le vicende accadute e quindi sarà più facile capirmi, per quelli che invece devono ancora vederla e non sanno di cosa parlo e di quello che è successo, un piccolo riassunto. Dal prologo sappiamo che nel XVII secolo, a Salem, nel Massachusetts coloniale, John Alden, capitano reduce dalla guerra espansionistica contro i nativi americani, fa ritorno dopo diversi anni nella sua città natale per ritornare dalla sua amata Mary. Quest'ultima è ormai una donna molto diversa da quella dei ricordi di John, è infatti una potente strega che ha sposato il ricco leader cittadino che alle streghe era solito dare la caccia. In una Salem centro di una vera guerra tra puritani e streghe, John decide di rimanervi per cercare di contenere il panico e la condanna a morte preventiva di persone innocenti, vittime tra le quali, a causa di una manipolazione di Mary, figura anche un suo vecchio amico. Questa serie narra quindi le vicende (irreali ed ovviamente inventate, ma rielaborate) di questa cittadina entrata nella storia per i famosi processi. La battaglia tra bene e male nella prima stagione è stata dura, con tanti colpi di scena anche inaspettati, la missione principale di Mary (e di tutte le streghe) consisteva nel compiere un rito malvagio (tramite l'uccisione di anime innocenti), per far scendere sulla terra il loro padrone (ma questo sarà il secondo step), e nonostante molte vicissitudini alla fine della prima stagione il sommo rito è stato compiuto. All'inizio della seconda stagione vediamo che il rito ha determinato l'espansione di una nuova epidemia di peste. Mary scopre che suo figlio, che poi deciderà di chiamare John, è vivo e che Tituba (la sua serva-alleata), insieme agli Anziani, lo ha tenuto nascosto per tantissimo tempo. Mercy (una strega novizia, già vista) vuole diventare il nuovo capo delle streghe, ma venendo rifiutata dagli Anziani, non si fa scrupoli a ucciderli tutti, dichiarando guerra a Tituba e Mary. John viene aiutato dai suoi amici indiani e decide di compiere un rito che lo farà diventare più forte, in modo che tutte le streghe di Salem muoiano. Anna Hale è consapevole di essere una strega, per giunta una delle più forti, visto che i suoi genitori erano degli stregoni dalla nascita.

domenica 13 dicembre 2015

Closed circuit & These final hours: 12 ore alla fine (2013)

Closed circuit è uno spy-thriller del 2013 (un ibrido tra uno spy movie e un legal thriller) che tratta un argomento divenuto in questi mesi di pubblica attualità, un attentato terroristico. Londra è sconvolta da un attacco terroristico e la presunta mente della banda viene arrestato e sottoposto a un processo a porte chiuse. Due avvocati ex-amanti Martin (Eric Bana) e Claudia (Rebecca Hall), ma da tempo separati, si devono riunire e mettere alla prova il legame e la fiducia reciproca quando si trovano a dover assumere il ruolo di avvocati difensori dell'autore dell'attentato. Il processo top secret nasconde però uno sporco complotto (finendo per rivelare scomode verità, le solite operazioni condotte dai soliti servizi deviati) che potrebbe mettere a repentaglio le loro stesse vite. Mi aspettavo qualcosa in più, infatti le mie aspettative vengono pian piano a mancare, nonostante la sceneggiatura intricata, i personaggi ambigui, la fotografia curata nei minimi dettagli e particolari e ovviamente la bravura degli interpreti principali. il film man mano che si snoda continua ad appiattirsi sempre di più, senza mai decollare o prendere una spinta nel ritmo narrativo, nonostante una prima parte che inizia letteralmente col botto (riuscendo a catturare l'attenzione), in maniera dinamica e buttando le giusti dose di suspense e mistero.

sabato 12 dicembre 2015

Non lamentiamoci dopo ma indigniamoci prima

Non lamentiamoci dopo se all'estero vedono l'Italia come il paese della pizza (questa è vera, siamo i migliori), del mandolino (ma chi lo suona più il mandolino...) e sopratutto della mafia, perché se il cinema italiano produce film sulle mafie e sulla politica dei corrotti è naturale che ci vedano così (tutti mafiosi e moralmente disdicevoli). Basta un dato, la serie tv Gomorra è una delle più apprezzate all'estero e in Italia ha avuto tanto successo, e solamente negli ultimi anni le tantissime produzioni cinematografiche hanno espresso quasi tutti lo stesso iter, ossia parlare di mafiosi (camorra, n'drangheta e mafia) o immischiati nella politica o contro le forze dell'ordine. L'ultimo esempio al cinema è stato Suburra, la storia di un politico corrotto, dai modi disdicevoli e la potenza della mafia a Roma e in Italia, un cliché del tutto italiano. Certo di cosa dovrebbero parlare i film allora, se in Italia funziona così? se le commedie italiane fanno schifo? e le notizie sono sempre o di omicidi, alluvioni e corruzione? Questo non lo so neanch'io, però non gridate subito al capolavoro di questo o l'altro regista di film drammatici che parlano di questi argomenti. Certo non credo che tutti siamo come ci rappresentiamo nei cinema, ma all'estero ci vedono da sempre così. Ma non tutto gira attorno al cinema, basti pensare ai funerali del boss a Roma, gli inchini della processione ai clan e ai suoi capi, cose riprovevoli e indegne, il Papa ha espresso il suo dissenso e li ha anche scomunicati i boss ma nessuno fa niente e ha fatto poi niente. Dovremmo indignarci di certe situazioni, e dovremmo essere noi i primi a capire che qualcosa deve cambiare, se noi non cambiamo, niente cambia, se aspettate che senza fare niente qualcosa cambi, fidatevi, non succederà mai.

giovedì 10 dicembre 2015

Pixels (2015)

Anche questo film lo aspettavo da tanto, il secondo dei 4 (Primafila) che ho scelto di vedere è Pixels, un film molto atteso da tanti nerd (come me) ma non solo, di cui già avevo scritto mesi fa (prima che uscisse al cinema) in un vecchio post, uno dei primi, dove un elemento mi ha aveva 'eccitato', la presenza di Pac-Man, uno dei giochi più famosi al mondo, qui il post. La cosa caratterizzante è la riscoperta degli anni 80, mitici e ruggenti, di cui molti film oltre a questo, ne prendono spunto. I videogiochi di quegli anni erano tutt'altra cosa rispetto a quelli di oggi, prima, come si vede anche nel film, per giocare si andava nelle sale giochi, ed io certe volte ci andavo e mi divertivo tantissimo. Adoravo soprattutto un gioco, che dovreste già aver capito quale, che mi rapì, ci giocavo tanto anche se non ero molto bravo, anzi. Era tutto un altro mondo, ed era bello, colorato e divertente. Ora tutto è diverso ma lo spirito degli anni ottanta non morirà mai e rivive per molti versi in questo meraviglioso viaggio nel mondo dei pixel. Una guerra deciderà le sorti del mondo, e i migliori giocatori sfideranno gli alieni in questa epica battaglia. Anche se la sceneggiatura è originale, un espediente di questo tipo è stato già prodotto in una puntata di Futurama, dove Fry era intento a giocare contro invasori alieni di cui capo era, come in questo, Donkey Kong e in un cortometraggio del 2010. Il film è stato stroncato dalla critica ma ha avuto un grande successo al botteghino, forse alcuni lo reputano demenziale, un po lo è ma tanti aspetti positivi ci sono, la leggerezza di un film per tutti.

mercoledì 9 dicembre 2015

Canzoni di 'tendenza' (dicembre 2015)

In questo post vorrei farvi ascoltare delle canzoni (4) sentite ultimamente che mi hanno conquistato e che stanno riscuotendo consensi e che sicuramente avrete già sentito, anche se molto diverse tra di loro, stanno avendo successo per i motivi più disparati. Per cominciare il ritorno di un cantante che con questa nuova performance ha conquistato internet, un fenomeno virale che forse era meglio che non ritornasse, ossia Psy, ma con la sua irriverenza e simpatia ha ri-conquistato il mondo, i suoi video anche se abbastanza demenziali hanno sempre un buon ritmo. L'ultimo successo è questo, Daddy, in cui prende come spunto la figura paterna.


Molto bella ed orecchiabile invece la canzone, l'ultimo singolo del suo nuovo album, di un'artista eclettico, poco convenzionale, con un suo specifico sound e ritmo, ossia Max Gazzè in La vita com'è.


lunedì 7 dicembre 2015

Ted 2 (2015)

Grazie al servizio Extra di Sky, fino a metà dicembre ho la possibilità di vedere 4 film su Primafila, e la prima scelta è ricaduta su Ted 2 (arrivato nelle sale cinematografiche il 25 giugno 2015) che aspettavo da tanto, perché il primo (questa seconda pellicola infatti è il sequel del film Ted del 2012) anche se demenziale ed irriverente mi aveva fatto ridere, come questo appena visto. Il film è co-scritto co-prodotto e diretto da Seth MacFarlane, interpretato da Mark Wahlberg, lo stesso Seth MacFarlane nuovamente nei panni di Ted, Amanda Seyfried e Jessica Barth, che interpreta nuovamente la cassiera Tami-Lynn. In questo secondo capitolo non è più John il protagonista ma Ted, nel primo infatti l'orsacchiotto di peluche prende vita per rimanere sempre insieme al suo proprietario, crescendo con lui e diventandone il migliore amico, nel secondo l'orsacchiotto lotterà per se stesso, una grottesca lotta per essere riconosciuto come umano. Il viaggio dei protagonisti è scoprire cosa renda umano gli umani e quindi anche Ted. L'esito sarà abbastanza banale ma condito, come il resto del film, di un umorismo dai tempi e dalle trovate folgoranti. Come in tutti i sequel, il primo è quasi sempre migliore, la novità, la sceneggiatura originale e le magnifiche battute, non facile riproporre tutto con la stessa verve, ma riesce ad intrattenere lo stesso. Da quando abbiamo lasciato John e Ted, i due continuano a spassarsela alla grande in quel di Boston. Mentre John ora è scapolo (afflitto a causa del divorzio con Lori), Ted convola a nozze con Tami-Lynn, la donna dei suoi sogni. Trascorso un anno il rapporto tra i due coniugi diventa sempre più difficile e i problemi coniugali cominciano ad assalire gli sposi. Ted e Tami-Lynn decidono di avere un bambino per salvare il loro matrimonio, sperando che un nuovo nato possa riavvicinarli. Per farlo ricorre all'inseminazione artificiale (dal momento che Ted, che è di peluche, è incapace di funzioni riproduttive), dopo diverse richieste e tentativi di aggiudicarsi del seme "famoso", la scelta del donatore ricadrà sull'amico di una vita: John (che allo stesso tempo cerca di incoraggiarlo a cercare una nuova compagna, ma John è riluttante). Purtroppo Tami-Lynn è sterile per colpa delle droghe assunte, così la coppia opta per l'adozione: l'assistente sociale tuttavia riferisce che Ted, essendo un orsacchiotto, è classificato agli occhi dello Stato non come una persona bensì come un bene.

sabato 5 dicembre 2015

Lo sciacallo: Nightcrawler & Hercules: il guerriero (2014)

È uno dei fenomeni mediatici del momento quello di comuni cittadini che armati di telecamera riprendono eventi di ogni genere per passare il materiale a tv private o siti d'informazione. Parte da qui l'idea dello sceneggiatore Dan Gilroy per lo sviluppo della sua prima regia in Lo sciacallo: Nightcrawler (2014). Una sbadata Los Angeles notturna dal traffico sfibrato accoglie nel suo ventre incidenti, sparatorie, rapine e omicidi. Nulla da eccepire finché non se ne accorge Lou Bloom (un ladro di materiali edili, senza alcuna formazione professionale ma determinato a trovare un lavoro in una congiuntura economica non facile, d'altronde chi assumerebbe un ladro) che quando, per caso, assiste a un incidente stradale e vede una troupe televisiva accorsa per riprendere l'accaduto e che è un vero lavoro, decide in che cosa "specializzarsi": si procura (rubando) una videocamera, una radio a bassa frequenza per captare il canale della polizia di Los Angeles e inizia a trascorrere le notti inseguendo i luoghi delle emergenze, in cerca di incidenti, furti e cronaca dura, per trasformare in denaro l’immagine più cruda, il primo piano più eloquente del ferito grave o il racconto più dettagliato di testimoni ancora sotto choc, e poi vendere il materiale ai network televisivi. Quando il business si farà più serio aumenterà anche la sua abilità ma non il suo senso del limite e dell'etica verso le vittime, arrivando persino (ai limiti della spietatezza) ad interferire sulle indagini di un efferato omicidio per realizzare uno scoop sensazionale. Lo stupro dell'etica e dell'umana sensibilità non viene soltanto da Lou, ma dalla direttrice di rete interpretata da Rene Russo. Il suo personaggio è interessato, ingordo e condivide con il protagonista di Jake Gyllenhaal cinismo e un'omessa ferocia votati a issare un dorato trampolino dal quale spingere nel vortice mediatico anche il pubblico.

venerdì 4 dicembre 2015

Ballers & The Brink (HBO)

Il football per gli americani è una faccenda seria, serissima, ecco perché HBO ha deciso di farci una commedia, ossia Ballers. In Italia è come vedere i giocatori di calcio e i loro agenti, non cambia molto. La serie è andata in onda da settembre a novembre su Sky Atlantic. Dwayne Johnson, decisamente meglio di 'The Rock', il soprannome di quando calcava il ring (forse) non fa più per lui, infatti l'ex wrestler e protagonista di tanti film d'azione è passato alla tv d'autore. Ambientata nel mondo del football americano ha avuto un enorme successo in America, con giudizi perlopiù positivi, tanto che la rete ha già opzionato la serie per una seconda stagione, senza neppure aspettare la conclusione della prima. Ma il merito non è tutto di Johnson (oltre ai muscoli c'è anche altro): alla regia del pilot di Ballers c'era infatti il bravo Peter Berg, (The LeftoversFriday Night Lights); e tra i produttori c'è anche Mark Wahlberg; il tutto caratterizzato da una fotografia e un linguaggio realistici, come è nello stile HBO. Ballers, una commedia a tinte fosche (dramedy) che esplora le vite e i menage familiari di ex e attuali campioni di football. Tra questi, la star in pensione Spencer Strasmore (Dwayne Johnson), che sta lottando per adattarsi alla vita come un consulente finanziario, risolvendo i problemi di tanti atleti; un ex-giocatore che non trova un lavoro decente o fatto per lui, perché sotto sotto vorrebbe ritornare a giocare; un giocatore che ha speso tutti i soldi e solo un contratto stratosferico può salvarlo, un animo gentile che però si caccia nei guai; il consulente amico di Spencer, Joe, che è un pazzo scatenato; e infine un giocatore-playboy fedifrago ed egoista che non riesce a cambiare atteggiamento.

mercoledì 2 dicembre 2015

Guardiani della galassia (2014)

Straordinario blockbuster della Marvel studios su di un gruppo di fanta-eroi spaziali uniti per la salvezza dell'universo. Guardiani della Galassia (Guardians of the Galaxy) è il decimo film del Marvel Cinematic Universe e basato sugli omonimi personaggi della Marvel Comics. Il film (del 2014) ha anche ottenuto due candidature ai Premi Oscar per i migliori effetti speciali e per il miglior trucco. Al contrario di tanti altri cinecomic non c'è una storia di base, nessuna carriera sfolgorante alle spalle come quelle degli Avengers, nessun pianeta di appartenenza da proteggere con la vita, nessun superproblema (o forse troppi), nessuna famiglia, nessun legame. Sceneggiatura semplice e poco originale, ma non pesa alla riuscita del film perché i personaggi conquistano, tutta quella catena di battute che fa sbellicare e parteggiare per questo gruppo che diviene, inaspettatamente, sempre più unito e forte. Infatti quando i 'singoli' si riuniscono per caso, tutto cambia, la storia assume un senso, un branco di disadattati confusi e soli, rinnegati dall'intero universo, che riescono a formare un gruppo nonostante le differenze, ogni personaggio ha un passato che non può cancellare e con cui deve convivere. Mi ha sorpreso questo film (che quasi sicuramente diverrà una trilogia, infatti tante cose non sappiamo ancora anche dopo questo primo che verranno in seguito svelate), in positivo ovviamente, uno dei migliori film Marvel degli ultimi anni. Ma iniziamo dalla storia...